Serge Latouche da Fazio

Domenica 15 marzo il Prof. Serge Latouche ospite nella trasmissione di Rai Tre “Che tempo che fa”.

 Qui il VIDEO  http://www.chetempochefa.rai.it/TE_videoteca/1,10916,1096502,00.html

Siamo sicuri che il nostro stile di vita, occidentale, sia l’unico possibile? Una vita basata sulla quantità di cose possedute, sull’acquisto compulsivo, sullo shopping consolatorio, sul volere tutto e subito, anche quando il portafogli è vuoto (tanto ci sono i prestiti, le rate…), sull’apparire, sull’edonismo, sul disinteresse per le conseguenze delle nostre azioni, sulla superficialità e sull’indifferenza verso chiunque, sui pomeriggi annoiati in cerca di cosa fare (o meglio, di dove andare a spendere) a zonzo per centri commerciali…, questa vita è l’unica possibile e desiderabile?

Siamo sicuri che il nostro benessere sia autentico?  Siamo felici? Il sistema economico è capace da solo di trovare sempre il punto di equilibrio, l’ottimo desiderato sia da chi offre che da chi domanda?

E’ possibile non cadere nella trappola di banche e multinazionali, che si arricchiscono sulla nostra pelle e depredano il pianeta delle sue ricchezze naturali, fino quasi a portarci ad un punto di non ritorno, dove sarà esaurita la capacità della Terra di rigenerare le sue risorse?    

                                                                                                                                                      L’attività umana non deve produrre un livello d’inquinamento superiore alle capacità di rigenerazione della biosfera.

Siamo, si dice, nell’epoca del benessere; ma a ben vedere il rapporto tra il reddito del più povero e del più ricco fino a 100 anni fa era di 1 a 3, oggi è di 1 a 80. “L’accumulazione non è possibile senza una grande disuguaglianza dei redditi.(…) Lo sviluppo e la mondializzazione sono macchine per affamare i popoli. Prima degli anni settanta, in Africa le popolazioni erano “povere” rispetto ai criteri occidentali, nel senso che disponevano di pochi beni manufatti, ma nessuno, in tempi normali, moriva di fame”.

Il nostro modo di vita non è l’unico esistito da quando l’uomo è apparso sulla Terra. E’ solo l’ultimo in ordine di tempo ed è tale dall’industrializzazione ad oggi.

Esiste un’alternativa e la crisi economica la impone.

Esistono alternative razionali e fattibili all’attuale modello di “sviluppo”.

Innanzitutto bisogna decolonizzare l’immaginario ed aprirsi alla possibilità di pensare e sperare in stili di vita diversi , conviviali, solidali, sereni e felici.

Serge Latouche è Professore emerito Dell’Univerisità Paris XI, economista, filosofo, antropologo.

http://www.decrescitafelice.it/?p=66

7 Responses to Serge Latouche da Fazio

  1. Teresa ha detto:

    ok ci sarò anch’io a sentire cosa ci racconta
    Grazie

  2. faberex ha detto:

    Speriamo che fazio ne faccia buon pro,con tutta prob l’invita perche’ e’ un’ospite molto interessante, ma dubito che lo stia ad ascoltare,o meglio, che poi metta in pratica anche un 100esimo delle teorie del buon Latouche. Fazio e’ da ormai molti anni un bel borghesuccio grasso-grasso, che un bel salotto tutto per lui,per poter giocare a fare il povero Comunista
    persegiutato con il portafoglio strapieno.Sarebbe veramnete interessante che tra le mille moine che ci propina ogni volta,in un attimo d’onesta ci spieghi da quale tasca sono usciti tutti i soldi che si e’ fatto quando era alla 7.

  3. nauram ha detto:

    Spero che saremo in tanti, Latouche merita molta attenzione. Sono stata ad una sua conferenza a Roma e, pur conoscendo già le sue teorie, mi rapita ancora di più.

  4. Ever Green ha detto:

    Ciao Aura,
    spero di esserci. I temi sono veramente molto interessanti. Ma chissà se ci sarà qualcuno che li mette in pratica.
    Il Vangelo di oggi parlava di Gesù che buttava fuori tutti i mercanti dal Tempio di Gerusalemme. Chissà se dobbiamo lottare così per non distruggere il verde. Voi che ne dite?

  5. Andrij83 ha detto:

    L’ho visto. Però certo che gli ha dato poco spazio rispetto a tanti altri – futili – ospiti.

  6. nauram ha detto:

    Molto deludente l’architettura dell’intervista. Fatta apposta per non far emergere la portata del messaggio di Latouche.

  7. Anonimo ha detto:

    come volevasi dimostrare……………

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: