Marrazzo da un altro punto di vista

29 ottobre 2009

Lasciando da parte la questione privata e personale dell’ex governatore del Lazio, per la quale egli affronterà delle sofferenze che in noi dovrebbero suscitare il sentimento di dispiacere, oltre che di meraviglia o disapprovazione (sull’ultimo direi di soffermarci poco, perché i gusti sessuali non dovrebbero essere oggetto di discettazione politica), riporto le considerazioni che molti cittadini dei Castelli romani hanno addotto come serio motivo di sperate dimissioni.

Da http://sotto-terra-il-treno.blogspot.com/

“Invece che per la storiella delle escort (tipologia trans), Marrazzo si deve dimettere per i reati che ha commesso nell’ambito della gestione dei rifiuti, con particolare riferimento all’inceneritore di Albano:
ha calpestato la legge (a cominciare da quella regionale in tema di distanze delle discariche e degli inceneritori dalle abitazioni);
ha taroccato la Valutazione di Impatto Ambientale (prima era negativa, poi è stata manomessa ed è diventata positiva);
ha anteposto gli interessi privati del signor Cerroni a quelli dell’intera collettività;
ha portato le tariffe dei rifiuti nella Regione Lazio al massimo livello su scala nazionale (e forse mondiale);
ha mantenuto la raccolta differenziata a livelli irrisori e ridicoli;
ha disatteso gli impegni presi con i cittadini, approvando di nascosto l’Autorizzazione di Impatto Ambientale il 13 agosto;
ha fatto predisporre uno studio che sottostima di 1.000 volte i tumori determinati dall’inceneritore.”

 

Annunci

Docenti precari: esaurimento a tempo indeterminato

27 ottobre 2009

SCUOLA:   tagli, esuberi, precarietà, disoccupazione, graduatorie a (finto) esaurimento, ricorsi, eterni contratti a tempo determinato, sogni di contratti a tempo indeterminato, chiusura delle scuole di montagna, classi superaffollate, scuole inagibili ma frequentate, stipendi da fame, riduzione orario scolastico, eliminazione materie d’insegnamento, maestro unico…

  

                                                                          

STIAMO COSTRUENDO GLI IDIOTI DEL FUTURO!

 


Terre di vite:

19 ottobre 2009
Cantine del Castello Conti
via Borgomanero 15 -  28014 Maggiora (NO)
Sabato 7 novembre 2009 dalle 18 alle 22
 
si terrà la manifestazione
                                                                                                    
Terre di vite: vino, volti, suoni, immagini e parole

 

introdotta, alle 17.00, da una tavola rotonda sul tema

 

“Il vino tra terra e poesia”

 

interverranno:

 

Sandro Sangiorgi                         fondatore e direttore di Porthos, giornalista e sommelier

Marco Arturi                          giornalista

 

 

La manifestazione si inserisce nel settore della viticoltura di qualità all’interno del vivace panorama vinicolo italiano.

Il filo conduttore della serata è l’amore per la terra, per il territorio in cui si opera e per il lavoro nelle vigne, nel segno di un ritorno a una naturalità che non rinuncia alla cultura, ma anzi la incontra per un arricchimento i cui beneficiari sono l’uomo e l’ambiente.

 

Saranno presenti i seguenti produttori vitivinicoli, con relativi banchi d’assaggio:

Cantine del Castello – Elena Conti (doc Boca – Piemonte)

Le Piane – Christoph Künzli (doc Boca – Piemonte)

Antoniolo – Lorella Zoppis (docg Gattinara – Piemonte)

Antoniotti Odilio – Odilio Antoniotti (doc Bramaterra – Piemonte)

Cappellano – Augusto Cappellano (docg Barolo – Piemonte)

Ar.Pe.Pe – Isabella Pelizzatti Perego (docg Valtellina Superiore – Lombardia)

Az. Agr. Crociani – Susanna Crociani (docg Nobile di Montepulciano – Toscana)

Az. Vin. Fiorini  – Cristina e Alberto Fiorini (doc Lambrusco di Sorbara – Emilia)

 

La serata, ideata e curata dalle sorelle Conti, Barbara Brandoli e Luigi Metropoli dell’associazione culturale Divino Scrivere, Gianni Usai, si articola in un percorso sinestetico ricco di seduzioni, di intrecci sensoriali che allieteranno anche lo spirito. Oltre ai banchi d’assaggio, nella cornice delle Cantine Conti, dove si possono degustare i vini delle varie aziende presenti, si potrà intraprendere un percorso fotografico, “Tralci di vita” di Massimo Prizzon www.massimoprizzon.it, che arricchirà la degustazione, mentre versi e rime di poeti contemporanei fungeranno da raccordo tra i vari banchetti.  

 

Durante la serata l’artista Oreste Sabadin www.orestesabadin.it realizzerà “Arte di Vino”, piccole opere su carta con i terricci e i vini dei produttori coinvolti. Scenografie e allestimento a cura di Mauro Maulini. Le poesie sono dei poeti: Maria Grazia Calandrone, Chiara Daino, Federico Federici, Paolo Fichera, Francesco Marotta, Adriano Padua, Anila Resuli, Ilaria Seclì.

 

La manifestazione, di respiro nazionale, intende porre in rilievo le problematiche della produzione vinicola di qualità, il lavoro artigiano, il rispetto per la natura, la multi-secolare tradizione vinicola che tutte le aree rappresentate ai banchetti continuano a testimoniare. E lo fa anche attraverso l’arte, poiché gli ideatori sono persuasi che il vino rappresenti il vertice di un incontro natura-cultura e sia di per se stesso un prodotto “artistico”, un miracolo che la terra genera con la complicità dell’uomo. È da questa convinzione che si avverte l’esigenza di introdurre la manifestazione con una tavola rotonda in cui si dibatterà del rapporto tra vino, terra e poesia, prendendo ispirazione dalla ormai celebre massima che Mario Soldati scrisse nel suo racconto Il vino di Carema: “il vino […] è la poesia della terra”: con Sandro Sangiorgi e Marco Arturi, ci avventureremo in questo interessante viaggio.

 

La presenza di aziende medio-piccole, tutte a carattere familiare, è indicativa delle scelte effettuate, poiché esse rappresentano la testimonianza diretta dei diversi caratteri territoriali, di tradizioni multisecolari, di lavori artigiani che si confrontano con tecniche antiche e sapienti, consapevoli che sono la terra e la vite la base ineliminabile di un grande vino. Inoltre è un’occasione per dare slancio a piccole doc e docg che, malgrado un’elevata qualità raggiunta, scontano ancora una scarsa attenzione della stampa di settore. La manifestazione offre dunque la possibilità di confrontarsi con queste piccole realtà, emblemi della diversità, genuinità e qualità. L’offerta giunge da una prospettiva inedita, artistica in modo da favorire uno scambio altrettanto inedito tra le categorie del settore, gli appassionati, i ristoratori, i sommelier, i giornalisti… 

 

In occasione della manifestazione si potranno gustare menu dedicati “Terre di vite” a prezzo fisso, con tre vini in degustazione, e aperitivo “Terre di vite” presso bar ed enoteche della zona . 

 

Sabato 7 novembre 2009

Dalle 17 alle 18 tavola rotonda.

Dalle 18 alle 22 banchi degustazione.

Contributo d’ingresso 10 euro.

Cantine del Castello Conti, via Borgomanero 15, 28014 Maggiora (NO), Tel +39.0322.87187

info@castelloconti.it

 

Ufficio Stampa : Divino Scrivere

info@divinoscrivere.it

 

Per accredito stampa inviare un’email a info@divinoscrivere.it

 

Per conoscere i menù e ulteriori dettagli dei locali convenzionati con “Terre di Vite” consultare il programma sul sito www.castelloconti.it


Temperature passate da 23° a 12°!

12 ottobre 2009

Appena piove in Italia, ci scappano i morti! E’ normale? E’ normale che due gocce d’acqua in una capitale causino la morte dei cittadini? Come a Messina l’incuria e l’abusivismo edilizio hanno causato il dissesto idrogeologico, così a Roma la superficialità, la scarsa manutenzione delle strade, delle fognature… sono responsabili di conseguenze tragiche.

Ieri a Roma, nel tardo pomeriggio, il termometro segnava 23 gradi (rilevazione personale), oggi 12 .

Credo che i fatti siano più che chiari, ma gli uomini non vogliono togliersi le bende agli occhi, rimboccarsi le maniche e fare ciascuno la propria parte. E’ vero che le istituzioni latitano, ma ognuno di noi è responsabile del cambiamento climatico e può, con piccole accorgimenti, iniziare a porre un tassello nel tentativo di recuperare ciò che è al limite del non ritorno.

E’ la Terra che ci sta sferzando per la mancanza di rispetto nei confronti della natura, per il consumo irrazionale e sfrenato del territorio.

http://www.repubblica.it/2009/10/sezioni/cronaca/maltempo/maltempo/maltempo.html

 

 


Ascanio Celestini ad Albano Laziale

7 ottobre 2009
Spettacolo Teatrale di Ascanio Celestini 
a sostegno della lotta contro l ‘ inceneritore di Albano.
MARTEDì 13 OTTOBRE, dalle ore 20.00, P.zza Pia, ALBANO LAZIALE

Musica, proiezioni sulla questione rifiuti, Spettacolo e dibattito
verso la manifestazione del 17 OTTOBRE ad Albano!
in allegato la locandina
www.noinceneritorealbano.it